Crea sito

 

scie6

Gli USA, le Nazioni Unite e il dominio del cielo

In una intervista a Radio Base il Tenente Generale Fabio Mini ha spiegato chiaramente che l’interesse delle ricerche militari per il controllo del clima non è mai venuto meno e che, di conseguenza, le ricerche sono continuate in segreto negli anni nonostante le leggi internazionali sul tema. “La guerra ambientale,in qualunque forma, è proibita dalle leggi internazionali. Le Nazioni Unite fin dal 1977 hanno approvato la convenzione contro le modifiche ambientali, il che rende ingiustificabile qualsiasi guerra proprio per i suoi effetti sull’ambiente, ma come succede a molte convenzioni, quella del 1977 è stata ignorata ed i militari hanno anzi accelerato la ricerca e l’applicazione delle tecniche di modificazione del tempo e del clima, facendole passare alla clandestinità. Se, prima di quella data, l’uso delle devastazioni ambientali era chiaro e se le modifiche ambientali anche gravissime erano codificate e persino elevate al rango di sviluppo strategico o di progresso tecnologico,oggi non si sa più dove si diriga la ricerca e come si orientino le nuove Armi” (Intervista al Tenente Generale Fabio Mini, Radio Base,all’interno del programma ‘Linea Diretta’ del 21 febbraio 2008). Le operazioni di aereosol clandestine rientrano in questo disegno. Il Tenente Generale Fabio Mini cita anche un documento del 1996 della US Air Force intitolato “Weather as a multiplier force - Owning the weather in 2025” (“Il clima come moltiplicatore di forza – Controllare il clima entro il 2025”), nel quale si fa esplicito cenno alle modificazioni atmosferiche che l’esercito americano intende realizzare in questi anni per controllare le condizioni meteorologiche ed utilizzarle a fini bellici. In tale documento si cita la creazione di una superficie ionosferica artificiale (a quota molto più bassa di quella naturale), il controllo di precipitazioni, tempeste,foschia e nuvole, e la creazione di condizioni climatiche artificiali. Ed infine si elencano i mezzi tramite i quali ottenere queste ‘conquiste’, fra i quali ritroviamo:

• Veicoli aerospaziali “per la distribuzione”(aerei cisterna?)

• Superfici ionosferiche riflettenti artificiali (forse formate da particolato diffuso per mezzo di scie chimiche nel cielo?)

• Composti chimici da diffondere nell’atmosfera

• Polvere di carbone

• Utilizzo di energia diretta (da interpretare forse come “emissioni di onde elettromagnetiche ad alta potenza” per la modifica climatica)

• Nuvole intelligenti a base di nano-tecnologia,ovvero nuvole costituite da fibre microscopiche di ‘polvere intelligente’ rilasciate in quantità enormi sopra le nostre teste e che poi pian piano scendono giù fino ad essere respirate

• Sensori, forse nano-tecnologie utilizzate come sensori o altri tipi di rilevatori.

Sembra quindi che i mezzi attraverso cui raggiungere il controllo del clima siano principalmente di tre tipologie: sostanze chimiche disperse nel cielo (scie chimiche), onde elettromagnetiche e nano-tecnologie.Sulla pericolosità delle sostanze contenute nelle scie chimiche già è stato detto molto.Per quanto riguarda invece le onde elettromagnetiche citiamo il lavoro del professor Levis che indica le principali sintomatologie connesse all’irradiazione di onde elettromagnetiche;si possono così riassumere:

• sintomi cutanei (prurito, eritemi, allergie)

• del sistema nervoso (disturbi del sonno, ansia,cefalee, emicranie, sindromi depressive, ecc.)

• del sistema muscolare (crampi, dolori muscolari,astenia)

• del sistema cardiovascolare (aritmie, disturbi della pressione arteriosa, ictus)

• del sistema ormonale e di quello immunitario (riduzione della sintesi della melatonina,alterazioni delle popolazioni linfocitarie)

• del sistema riproduttivo (aborti spontanei)

• del sistema acustico (tinniti), visivo, olfattivo,digestivo.

Inoltre l’esposizione alle radiazioni non ionizzanti è reputata da molti scienziati all’origine di neoplasie, soprattutto leucemie.Si potrebbe pensare che scie chimiche ed onde elettromagnetiche non siano fenomeni correlati tra loro, ma non è così. Lo spiega bene la giornalista indipendente Carolin Williams Palit in un articolo. “Le scie chimiche sono diffuse per creare un mezzo attraverso cui trasmettere onde elettromagnetiche, per mezzo di oscillatori di campi elettromagnetici (chiamati ‘gyrotrons’) e del riscaldamento della ionosfera. Il particolato consente alle armi ad energia diretta di funzionare meglio (il bario ad esempio cosparso nell’atmosfera reagisce chimicamente con i raggi ultravioletti).Ciò è connesso con la natura stessa del plasma e della propagazione dei raggi. Il bario rende il plasma, contenente alluminio, più denso; ciò vuol dire che in tal modo si ottiene un plasma più denso di quanto non avverrebbe solo riscaldando la ionosfera (…) In altre parole stanno tentando di realizzare armi di raggi al plasma, dove le scie chimiche sarebbero il mezzo, mentre i radar del sistema GWEN, le stazioni HAARP (High Frequency Active Auroral Research Program) e le stazioni laser nello spazio sono lo strumento vero e proprio. Questi sistemi d’arma si troverebbero in Russia, Canada, Stati Uniti ed in tutta Europa, e possono essere mobili o fisse, sulla Terra, ma anche essere collocate nell’atmosfera o nello spazio. Si tratta di un sistema di difesa e di offesa contro attacchi elettromagnetici e missilistici, che impiega ‘scudi’ di particelle ionizzate. Quando questi scudi sono attivati, ‘escludono’ ed alterano il campo magnetico terrestre, e possono essere disposti in strati uno sopra l’altro per proteggere dai missili. Le scie chimiche contengono anche carbonio, che può essere usato per assorbire le microonde, ed altri elementi (“chaff”) che rendono gli aerei invisibili ai radar”. Se notate, negli ultimi anni stanno spuntando numerose le antenne per la telefonia mobile e le reti wireless. In effetti tutte queste antenne sembrano davvero troppe… spuntano in ogni angolo, sui tetti delle abitazioni, nei parchi, nelle tenute private, sui crinali delle colline, sulle cime di montagne, al centro degli incroci stradali. Sembrerebbe che alcune di queste antenne siano utilizzate in realtà per rinforzare il campo elettromagnetico per scopi militari.In altre parole è come se l’atmosfera stesse diventando un grande forno a microonde.Gli scienziati sanno bene che le microonde sono in grado di influire sui fenomeni meteo,sugli equilibri naturali ed anche sul comportamento umano, e sono quindi di fatto anche un’arma militare. La CIA stessa finanzia ricerche universitarie per mettere a punto degli apparecchi a microonde capaci di lanciare dei raggi che sembra possano causare un’ipnosi a distanza. I Russi che, insieme con gli Statunitensi, sin dagli anni ‘50 del XX secolo,sperimentarono sistemi d’arma a microonde,lo sanno bene. Tra l’altro nei ‘forni’ di questo tipo si impiegano usualmente sostanze quali il quarzo ed il bario, elementi che sono stati rintracciati anche nelle scie chimiche… forse non è una coincidenza.Le sperimentazioni di queste armi sono coperte ovviamente dal segreto militare, per cui è difficile avere informazioni di prima mano.Uno dei rari scienziati del governo americano a parlare apertamente dei ‘progressi’ di questa scienza e delle sue applicazioni tecnologiche è Lowell Ponte, un ricercatore del Pentagono. Egli conferma l’esistenza di segnali elettromagnetici in grado di influenzare il campo magnetico terrestre. Anche i servizi segreti canadesi accennano ad un progetto simile in un dispaccio che risale all’agosto 1975, parlando di “introduzione di onde elettromagnetiche nella Natura”. È comunque poco, e non si dà alcuna indicazione sulle possibilità di combinare delle onde stazionarie giganti con raggi a microonde capaci di influenzare il cervello umano, e non si dice nulla sulle microonde impiegate come armi.Tutti questi progetti fanno parte probabilmente della rete, molto sviluppata e sempre segreta,della ricerca sulle armi invisibili.Nonostante tutta questa segretezza, alcune prove sono quotidianamente dinnanzi ai nostri occhi; basta alzare lo sguardo al cielo ed osservare le forme che assumono le nuvole…a causa di queste irradiazioni elettromagnetiche.Il meteorologo Scott Stevens ha osservato che “le nuvole assumono forme grottesche, innaturali, a causa dell’emissioni di onde elettromagnetiche. Abbiamo anche notato che le nubi tendono ad acquisire strane configurazioni a pettine al di sopra delle antenne”. Probabilmente non è un caso…Il programma per il controllo del clima parte probabilmente dagli Stati Uniti, ma di sicuro coinvolge direttamente anche i governi europei.E l’Italia che ruolo sta giocando in questo scenario? Proprio recentemente è apparsa sui giornali la notizia che il segretario regionale dell’Adiconsum, Giorgio Vargiu, ha scritto una lettera aperta al Presidente della Repubblica,al Presidente del Consiglio e a tutti i Ministri chiedendo che venga fatta un’indagine sul fenomeno delle cosiddette “scie chimiche”. A questo proposito il segretario regionale di Adiconsum cita anche l’Accordo di collaborazione Italia-Usa del 2003, denominato “Cooperazione Italia-Usa su Scienza e Tecnologia dei cambiamenti climatici”, nel quale si fa riferimento a “siti sperimentali italiani dove vengono modificate artificialmente le condizioni ambientali a cui è esposta la vegetazione” e di “meccanismi di risposta delle piante”. Nella sua lettera Vargiu si rifà anche a studi condotti in tutto il mondo.Ma torniamo per un momento all’accordo di collaborazione Italia-Usa, in cui si legge: “Gli Stati Uniti e l’Italia hanno organizzato un Convegno Bilaterale sulla ‘Ricerca congiunta sui cambiamenti climatici’ a Roma, il 22-23 Gennaio 2002, in seguito all’impegno del Presidente George W. Bush e del Primo Ministro Silvio Berlusconi di intraprendere ricerche sui cambiamenti climatici in collaborazione”.Questo impegno faceva perno sulla ‘necessità’ di basarsi su solidi risultati scientifici e sulla potenza della tecnologia per ridurre le incertezze associate con i futuri cambiamenti climatici e ambientali. I due Paesi identificarono più di 20 progetti di ricerca nel campo dei cambiamenti climatici pronti ad un avvio a breve e medio termine nelle aree delle simulazioni globali e regionali. “I progetti di ricerca immediatamente pronti all’implementazione miglioreranno la nostra capacità di capire, sorvegliare e prevedere le variazioni climatiche e i loro impatti. Inoltre, le attività di ricerca tecnologiche attivabili a breve contribuiranno allo sviluppo di tecnologie avanzate a basso contenuto di carbonio per limitare le emissioni dei gas serra. Gli studi condotti recentemente hanno mostrato che esiste una buona possibilità di cambiamenti climatici nei prossimi 50 anni (…) Viste le ricadute sulle attività umane che un clima diverso dall’attuale potrà avere, inizia ad essere imperativo iniziare a considerare la variabile “clima” come una delle più importanti nella catena delle decisioni. Una maggiore conoscenza delle caratteristiche del clima locale, dei suoi cambiamenti nel recente passato (40-50 anni) e la definizione di scenari climatici futuri a scala locali è altrettanto fondamentale. (…)Il nostro paese è sicuramente un’area a rischio per le problematiche connesse ai cambiamenti climatici. Al di là della comprensione “accademica” se il nostro paese sia “predestinato” ad avere un clima “medio” diverso in futuro (ad esempio temperature più alte o precipitazioni minori, meno fenomeni nevosi,innalzamento dei mari Tirreno e Adriatico), è necessario prestare molta attenzione anche alle eventuali modifiche nella frequenza di accadimento di eventi meteo-climatici anomali: periodi di caldo anomalo, precipitazioni molto intense, eventi temporaleschi grandinigeni, ecc. Una maggior frequenza di precipitazioni più intense avrebbe sicuramente un impatto devastante nel nostro paese, viste le condizioni di dissesto idrogeologico in cui gran parte di esso si trova, come purtroppo è stato reso palese dai recenti episodi alluvionali che hanno colpito sia il Nord che il Sud d’Italia. Solo questo semplice esempio dovrebbe far riflettere sull’urgenza di conoscere adesso quali potrebbero essere gli scenari climatici futuri in modo da avere tempo sufficiente per pensare a possibili rimedi”.Sull’importanza del clima sulla vita umana siamo tutti d’accordo, ma attenzione a non confondere i rimedi con la cause…Tra le aree di studio previste nell’ambito del progetto si leggono titoli inquietanti, quali:

• Regionalizzazione delle simulazioni climatiche

• Studi dell’aerosol, della composizione chimica dell’atmosfera, dei processi di scambio e degli impatti dei cambiamenti climatici nei climi Mediterranei dell’Emisfero Nord (USA ed Italia)

• Osservazioni in situ dell’aereosol

• Esperimenti di manipolazione degli ecosistemi terrestri

• Sviluppo di scenari sanitari futuri

• Gestione del Progetto e supporto al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.

Inoltre facciamo notare che il medesimo documento cita tra i partecipanti al tavolo dei lavori:

• P1: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV)

• P2: Earth Institute, Columbia University (CU)

• P3: Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM)

• P4: The Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics (ICTP)

• P5: Servizio Meteorologico Regionale, Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente dell’Emilia Romagna

• P6: Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC)

• P7: Istituto di Matematica, Fisica e Applicazioni,Università degli Studi Parthenope (IMFA-UPa)

• P8: Dipartimento di Scienze dell’Ambiente Forestale e delle sue Risorse (DISAFRI), Università della Tuscia

• P9: Centro Europeo Ambiente e Salute, Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

• P10: Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di BioMeteorologia (IBIMET)

• P11: Istituto di Biologia AgroAmbientale e Forestale (IBAF)

• P12: Solvay-Solexis

• P13: Centro Ricerche FIAT (CRF)

• P14: Nuvera Fuel Cells Europe

• P15: Ansaldo Fuel Cells

Ricerca accademica, Servizio Meteorologico,CNR, Organizzazione Mondiale della Sanità,Industria petrolifera, chimica, automobilistica,rappresentanze politiche, ma non mancavaproprio nessuno…

Fonti:

- Articoli di Antonio e Rosario Marcianò curatori del sito www.tankerenemy.com

- Articoli del biologo Giorgio Pattera

- Intervista al Tenente Generale Fabio Mini,

Radio Base, all’interno del programma Linea Diretta del 21 febbraio 2008

- Documento “Weather as a multiplier force Owning the weather in 2025” della Marina Militare US (1996)

- Articolo “Scie chimiche: Il segretario regionale dell’Adiconsum Giorgio Vargiu scrive a Napolitano” dal quotidiano “La Nuova Sardegna” del 13/06/2010

- Accordo di collaborazione Italia-Usa del 2003, denominato «Cooperazione ItaliaUsa su Scienza e Tecnologia dei cambiamenti climatici» tratto dal sito:

 http://www.scribd.com/doc/9381320/PianodettaglioAccordoItaliaUSAsulClima

- Articoli della giornalista indipendente Carolin Williams Pali